Articolo: Rateizzazione dei versamenti precedentemente sospesi

Decreto Legge n. 104/2020. Sintesi di alcuni principali interventi a sostegno delle imprese

L’art. 97 del D.L. n. 104/2020, concede la facolta di usufruire di un’ulteriore dilazione relativa ai versamenti in scadenza il 16 settembre 2020 originariamente dovuti nei mesi di marzo, aprile e maggio u.s. oggetto di sospensione a seguito dell’entrata in vigore dei precedenti D.L. contenenti
misure agevolative per far fronte all’emergenza sanitaria da Covid-19.
In particolare il versamento dei suddetti importi potra essere effettuato con le seguenti modalità:

  • una quota pari al 50% del dovuto in un’unica rata entro il 16/09/2020 (ovvero in 4 rate mensili di pari importo di cui la prima entro il suddetto termine);
  • e la restante parte, pari al 50% del dovuto, mediante rateizzazione fino ad un massimo di 24 rate mensili di pari importo di cui la prima entro il termine del 16/01/2021.

La dilazione in 24 rate non trova applicazione con riferimento al versamento delle somme dovute sulla base di “avvisi bonari” scaduti e non versati per i quali il termine di versamento, rinviato da ultimo dal “Decreto Rilancio”, rimane fermo al 16/09/2020.

PROROGA VERSAMENTO 2° ACCONTO IMPOSTE CONTRIBUENTI SOGGETTI ISA

L’art. 98 del D.L. n. 104/2020 sancisce la proroga al 30 aprile 2021 del versamento degli acconti d’imposta dovuti per ’anno 2020 originariamente in scadenza il 30/11/2020 per i contribuenti titolari di partita IVA (persone fisiche e giuridiche) che svolgono attività per le quali sono stati
elaborati gli ISA. Tale proroga spetta ai suddetti contribuenti a condizione che:

  • dichiarino ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito per ciascun indice;
  • e abbiano subito nel primo semestre dell’anno 2020 una riduzione del fatturato o dei corrispettivi pari almeno al 33% rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente.

CREDITO IMPOSTA LOCAZIONI MESE DI GIUGNO 2020

L’art. 77 del D.L. n. 104/2020 estende anche al mese di giugno 2020 il credito d’imposta pari al 60% dei _canoni di locazione degli immobili sede delle proprie attività corrisposti entro il 31/12/2020. La fruizione di tale credito d’imposta è subordinato al rispetto delle medesime condizioni previste dal D.L. 34/2020 con riferimento ai canoni relativi ai mesi di marzo, aprile e
maggio.

INDENNITA’ PER I LAVORATORI DELLO SPORT

L’art. 12 del D.L. n. 104/2020 estende anche al mese di giugno 2020 Vindennita per i lavoratori dello sport è erogata da Sport e Salute Spa, già prevista per i mesi precedenti in favore dei medesimi soggetti ed alle medesime condizioni sancite con riferimento ai mesi precedenti dai D.L. 18/2020 e 34/2020.

PROROGA MORATORIA MUTUI E PRESTITI PMI

L’art. 65 del D.L. n. 104/2020 introduce l’ulteriore proroga al 31 gennaio 2021 degli importi già prorogati al 30/09/2020 per la sospensione delle rate dei prestiti e delle linee di credito contratti dalle PMI, già ammesse alla moratoria di cui all’art. 56 del D.L. 18/2020. Per i soggetti ai quali la proroga é già stata concessa non sarà necessario presentare alcuna richiesta. Al
contrario, chi non intenda avvalersi del maggior termine dovrà comunicarlo all’istituto con cui è corso la linea di credito entro e non oltre il 30/09/2020. Le nuove richieste di ammissione, invece, dovranno essere presentate entro il 31/12/2020.

CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO FILIERA RISTORAZIONE

L’art. 58 del D.L. n. 104/2020 introduce nuovi contributi a fondo perduto destinati agli esercenti attività rientranti nella filiera della ristorazione. Tali contributi sono riservati ai contribuenti che svolgono attività di ristoranti, fast-food, rosticcerie, friggitorie, pizzerie, birrerie, pub, enoteche,
mense, catering (codici Ateco: 56.10.11 — 56.29.10 — 56.29.20) e spettano a condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi medi del periodo marzo/giugno 2020 sia inferiore ai tre quarti dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi medi del medesimo periodo dell’anno precedente ovvero, anche in assenza del predetto requisito, a condizione che l’attivita sia iniziata a decorrere dal 01/01/2020.

CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER LE ATTIVITA’ SITE NEI CENTRI STORICI

L’art. 59 del D.L. n. 104/2020 introduce nuovi contributi a fondo perduto destinati agli esercenti attività d’impresa di vendita di beni e/o servizi al pubblico localizzate nelle zone equipollenti dei comuni capoluogo di provincia o di citta metropolitana che, in base all’ultima rilevazione da parte delle amministrazioni pubbliche competenti per la raccolta, abbiano registrato presenze turistiche di cittadini residenti in Paesi esteri in numero: superiore di almeno tre volte i cittadini residenti nel comune stesso, per i capoluoghi di provincia, ed in numero pari o superiore ai
residenti nel comune stesso, per i capoluoghi di citta metropolitana. L’ammontare del contributo é determinato applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi riferito al mese di giugno 2020 e ’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del
corrispondente mese dell’anno precedente.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on facebook
Share on twitter